Oggi all’Ordine dei Giornalisti a Milano a discutere di…Prosecco!

Come direbbe Pirandello “Ma non è una cosa seria”…

Non so se citare Pirandello e la sua celebre commedia, o se esclamare “sorridi, sei su Scherzi a parte!”.

La verità e che mentre voi leggerete questo post io sarò a Milano, all’Ordine dei Giornalisti della Lombardia, esattamente presso la sede del Consiglio di Disciplina Territoriale, convocato con tanto di raccomandata con ricevuta di ritorno, “invitato a comparire davanti a questo Consiglio per essere sentito nelle sue discolpe” a causa di un “provvedimento disciplinare” nei miei confronti aperto per “verificare se vi sia violazione delle norme deontologiche presiedono alla professione di giornalista e, in particolare, degli artt. 2, 48 L69/1963 della Carta dei doveri del giornalista con riguardo alla verità sostanziale dei fatti, ai doveri di lealtà e buona fede e dell’essenzialità e della continenza espressiva dell’informazione”.

Non sto scherzando, è tutto vero, non si tratta di un film di Stanlio e Ollio! Davanti a tre consiglieri, professionisti seri, una signora bravissima inviata speciale durante la guerra in Irak, ovvero Anna Migotto quindi Paolo Colonnello un giornalista della Stampa, che ha coraggiosamente raccontato in un libro, Il senso del tumore per la vita, la personale dolorosa esperienza di “immersione nel tumore”, (la terza componente del Consiglio di disciplina era Liviana Nemes) il sottoscritto dovrà rendere conto di due articoli pubblicati nel 2013 su Vino al vino e nel 2012 su questo blog.

Il tutto perché un prosecchista, oh yes!, ha presentato un esposto lamentando “una costante azione diffamatoria a mezzo web da parte di Franco Ziliani nei confronti della sua azienda e dei suoi prodotti con articolo dal tono falsato e ironico-diffamatorio”. E vi risparmio altre amenità contenute nei messaggi che il tipo periodicamente ha inviato all’Odg sollecitando una presa di posizione dello stesso… I miei articoli, ha scritto, avrebbero causato “non pochi problemi di natura economica, oltre che sul piano della “reputazione tout court”.

A parte l’incongruità palese a chiunque, relativa al fatto che un articolo possa essere contemporaneamente ironico e diffamatorio, rileggendo gli articoli, che per ora non voglio citare, mi sono fatto (e se le è fatte il mio avvocato, che è uomo di legge ma soprattutto appassionato di vino e sommelier…) delle matte risate, perché di diffamazione non c’è assolutamente ombra, ma solo una sardonico/sarcastica presa in giro da parte mia di un personaggio che amava dichiarare che lo Champagne “trema” di fronte all’inarrestabile avanzata del Prosecco!

All’Ordine dei Giornalisti della Lombardia evidentemente devono essere distratti, o la mano destra ignora quello che fa la sinistra, perché un Avvocato, Presidente del Consiglio di disciplina territoriale per i giornalisti della Lombardia si è già pronunciato sull’esposto del proseccaro, pardon prosecchista, oltre due anni fa: “Il Consiglio dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia, esaminato nella seduta del 17 luglio 2014 il fascicolo disciplinare propone all’Ecc.mo Consiglio di disciplina l’archiviazione del fascicolo a carico del collega, non ravvisando nei fatti alcuna violazione deontologica”.
Ma visto che il Consiglio di Disciplina territoriale opera a latere, con facoltà di procedere diversamente rispetto alle deliberazioni dell’Ordine, hanno pensato ugualmente, forse per vedere se di persona apparivo davvero come ero stato descritto dal “simpatico” prosecchista, di convocarmi.

E allora, visto che avevo le carte in regola, perché ho deciso di perdere un po’ di tempo e andare di lunedì nella mia adorata Milano?

Semplicemente, oltre che per stringere la mano ai colleghi Migotto e Colonnello, per farmi fare due grasse risate e dire loro: “signori, siamo su Scherzi a parte”, brindiamo! A voi un bel prosechin, a me Champagne, s’il vous plaît !

Attenzione!

Non dimenticate di leggere anche

Vino al vino

www.vinoalvino.org

e

Rosé Wine Blog

http://www.rosewineblog.com/

5 commenti

Condividi

5 commenti

  1. Gioann Buleghin

    gennaio 31, 2017 alle 3:49 am

    scior Ziliani el gà parlà ben finalmente del Proseco?
    Cossa me dice de ‘sta convocasion?
    El ce raconti!

  2. Umberto Cosmo

    gennaio 31, 2017 alle 1:04 pm

    Caro Franco, Finalmente!
    Sentivo la mancanza del nostro fustigatore, l’aguzzino per il quale il tutto del vino esclude il Prosecco, che poi vera esclusione non è, dato che il Prosecco è il nulla.
    Ci siamo seduti sugli allori dei milioni e milioni di bottiglie, sulle richieste insoddisfatte, sul nostro essere i padroni dell’universo delle bollicine (santo cielo, m’è sfuggito “bollicine”).
    Da buoni veneti, noi abituati a tirar carrette da sempre, fornitori di servette alle case padronali dei nobili prima e dei cittadini borghesi poi, abbiamo bisogno di frusta e nerbo, per continuare a portare il vino italiano sui mercati più lontani, fornendo in questi anni difficili quei miliardi di euro di esportazioni dei quali la nostra esangue italietta ha bisogno come dell’aria che respiriamo.
    Sì, ci serve chi ci sproni a fare meglio. Ci serve chi ci rammenti la nostra posizione nei gironi dell’infernale mondo del vino italiano, dove chiunque salga deve, come Sisifo, essere necessariamente ricacciato nella bolgia più bassa, tra i più meschini dei meschini.
    Grazie a chi ci ricorda e ci ricorderà, giorno dopo giorno, che essere primi non è possibile e mai lo sarà. Grazie per ricordarci che qualche altra denominazione sarà sempre prima di noi.
    Grazie per darci un obiettivo che sta sempre oltre, per spronarci a fare sempre meglio.
    In fondo chi si accontenta di essere un leader, nel momento stesso in cui pensa di esserlo, non lo è già più!
    Con affetto

    • redazione

      gennaio 31, 2017 alle 10:03 pm

      caro Umberto tu sei un prosecchista, non un proseccaro, al quale non posso che volere bene
      Un caro saluto e grazie per le tue belle parole

  3. silvana biasutti

    febbraio 3, 2017 alle 6:22 pm

    Ma com’è andata poi ‘sta convocazione. Li hai infine bacchettati a dovere?
    PS: Tra l’altro non ricordo di aver letto tue cattiverie sanzionabili a proposito di quel produttore di prosecco ….

    • redazione

      febbraio 3, 2017 alle 6:28 pm

      com’é andata lo racconterò lunedì. Sto ancora piegato in due dalle risate e ho paura di essermi fatto… la pipì addosso dal ridere…
      Povero proseccaro….

Lascia un commento

Connect with Facebook