Franciacorta Dosaggio Zero Superno Marzaghe

Denominazione: Franciacorta Docg
Metodo: classico
Uvaggio: Chardonnay, Pinot nero
Fascia di prezzo: da 20 € a 25 €

Giudizio:
8


Franciacorta2015ExtraBrut 057
Faccio subito mea culpa e confesso, anche se è trascorso un anno e mezzo, che non sono ancora riuscito a visitare l’azienda agricola Marzaghe di Erbusco, fondata nel 2005, e dunque che non ho maggiori informazioni in merito rispetto a quanto raccontavo in questo articolo del luglio 2014 cui rimando per maggiori dettagli.

Visitando, non senza qualche difficoltà, il sito Internet aziendale, immaginifico nel linguaggio (nel descrivere un vino si arrivano ad evocare “ronzii di miele”), e molto essenziale, ho avuto conferma che la proprietà è sempre della famiglia Lamberti, che gli ettari vitati di proprietà sono sei e si producono sempre unicamente Franciacorta, di sei tipologie (Brut, Satèn, Rosé, Brut millesimato, Dosaggio zero e riserva), da vigneti posti tra il Monte Alto (nella zona di Adro) ed il Monte Orfano.

Il vino che ho degustato è sempre lo stesso, il Dosaggio zero non millesimato, una cuvée composta per il 90% da Chardonnay, e per il 10% da Pinot nero, con un dosaggio degli zuccheri limitato a due grammi litro, un vino che compie una parziale fermentazione in rovere e compie un affinamento di almeno 30 mesi sui lieviti.

Insomma, che dire, il vino mi era piaciuto nel 2014 e mi è piaciuto ora, in un campione con sboccatura del dicembre di quell’anno, e mi sembra espressione di vigneti (età media intorno ai 15 anni) di qualità e ben condotti e di un’idea del vino tendente più alla piacevolezza, all’equilibrio, che alla ricerca di effetti speciali tali da catturare l’attenzione di quella parte della critica che se un vino non è un po’ “strano” non le interessa.

Le note del mio assaggio, che non ha messo in luce un vino entusiasmante e imprescindibile, ma un Franciacorta solido, ben fatto, affidabile, descrivono il Dosaggio Zero Superno (espressione che, immagino sia una sintesi, di grande fantasia, tra superbo ed eterno…), con colore paglierino oro con bella presa di spuma e perlage vivo e sottile, note ben distinte e nitide di crosta di pane, pan brioche, burro, fiori bianchi e mandorla e una leggera vena di agrumi, con una bella consistenza grassa, piena e succosa, al gusto, largo sul palato, pieno, con una bella acidità che bilancia bene la materia. Insomma, un Franciacorta più largo che profondo o verticale, molto in stile Erbusco, ma decisamente buono.

E meritevole di una visita in cantina per conoscere le altre bollicine…

Azienda Agricola Marzaghe
Via Consolare, 19
25030 Erbusco (BS)
Telefono: 0307760585
Email: info@marzaghefranciacorta.it
Web: www.marzaghefranciacorta.it

Attenzione! Non dimenticate di leggere anche:

5 commenti

Condividi

5 commenti

  1. Gianluca

    gennaio 26, 2016 alle 5:49 pm

    La qualifica di Dosaggio zero, o equivalenti, non è compatibile che un dosaggio di zuccheri, fosse pure l’ 1%.
    Forse le notizie fornite dall’ azienda non sono adeguate.

  2. Franciacortino

    gennaio 31, 2016 alle 1:44 pm

    @Gianluca mi sa che è lei quello che non è informato..

    Copio direttamente dal sito del consorzio:

    “Non Dosato (zucchero fino a 3 g/l, residuo naturale del vino) – è il più secco della gamma dei Franciacorta;”

    Fonte: http://www.franciacorta.net/it/vino/tipologie/

  3. Gianluca

    febbraio 3, 2016 alle 4:30 pm

    C’ è un’ imprecisione nell’ articolo che ha causato la mia osservazione: si parla di dosaggio, non di residuo zuccherino, che può essere fino a 3 gr/lt. ma solo di residuo, non di zuccheri aggiunti (dosaggio).
    Poi c’ è un refuso nella mia osservazione perchè parlo di 1% anzichè gr/lt e me ne scuso.
    In conclusione nel Dosaggio zero non è consentita alcuna aggiunta, ma solo fino a 3 gr/lt. di residuo nel vino. Questo risulta dal Regolamento Comunitario del 14.07.2009 recepito anche dal Disciplinare di Franciacorta.

    • redazione

      febbraio 3, 2016 alle 4:59 pm

      grazie Gianluca per aver corretto la mia imprecisione

  4. Vincenzo busiello

    febbraio 7, 2016 alle 10:14 am

    Non per niente il Sig Gianluca Ruiz de Cardenas produce tra le migliori bollicine dell ‘ oltrePo Pavese e Pinot nero serio. Speriamo che Franco non mi bocci il commento perché ritenuto materiale pubblicitario. Approfitto confidando nella benevolenza di Franco:” Gianluca, perché non mi fa più sapere delle sue periodiche offerte?”.

Lascia un commento

Connect with Facebook