Franciacorta Pas Dosé Cuvée Zero Vigneti Cenci La Boscaiola

Denominazione: Franciacorta Docg
Metodo: classico
Uvaggio: Chardonnay, Pinot bianco
Fascia di prezzo: da 20 € a 25 €

Giudizio:
8.5


Franciacorta2015ExtraBrut 050
E’ innegabile che nella storia della Tenuta La Boscaiola di Cologne Bresciano un ruolo fondamentale l’abbia esercitato la figura, straordinaria e indimenticabile, del fondatore. Quella bella tempra di alpino fino all’ultimo di Nelson Cenci, ex ufficiale reduce dalla ritirata di Russia, co-protagonista nel primo famoso libro di Mario Rigoni Stern, “Il sergente sulla neve”, che nel 1960 acquistò in quella terra che avrebbe poi raggiunto universale notorietà come Franciacorta una cascina del 1600 ristrutturandola e poi mettendo a dimora nuovi vigneti nello spazio che gli lasciava libero il proprio impegno di primario ospedaliero e docente di otorinolaringoiatria a Varese.

Per anni la Boscaiola, anche quando la produzione vinicola aveva raggiunto una propria dignità e serietà e credibilità da parte degli altri vignaioli della zona, è stata soprattutto il buon retiro di quella speciale figura di alpino dalla memoria lucidissima e dalla grande capacità affabulatoria che amava raccontare, scrivendo e verbalmente, quello di cui era stato testimone e protagonista, perché la lezione della storia non inducesse a ripetere gli stessi errori.

E quando ci si recava in visita alla cantina e alle vigne era giustissimo che uno spazio di rilievo nella visita l’avesse un incontro con Nelson Cenci e l’ascolto di quegli insegnamenti di vita che avesse piacere di trasmettere, inframezzati a discorsi sul vino, perché anche se non nato vignaiolo il piacere di produrre vino, e di farlo buono gli era entrato nel sangue.

Dal settembre 2012, il grande alpino ci ha lasciato ed è volato in cielo all’onorevolissima età di 93 anni a raccontare anche lassù l’epopea tragica della ritirata di Russia, e la conduzione dell’azienda è passata alle due figlie Giuliana e Maria Grazia.

Questo era già nei fatti da anni, perché ovviamente Cenci era un po’ il nume tutelare della Boscaiola, un simbolo positivo e un modello umano di riferimento.

Venuto a mancare il pater familias, oggi la Boscaiola è ovviamente diventata un po’ meno la tenuta del grande alpino, e più l’azienda delle due figlie, che conducono e ottengono il meglio dai sei ettari vitati che hanno in quel luogo a sua volta speciale che è il Monte Orfano, che per chi non lo sapesse è il più antico affioramento della pianura padana e presenta una particolare geologia, il cosiddetto “conglomerato” di natura litorale, con molti elementi ciottolosi grossolani, di un’età geologica più antica del resto della Franciacorta, da 26 a 5 milioni di anni. E ha un particolare microclima, con temperature massime e minime più alte, un’esposizione massima al sole e una presenza calcarea spiccata. E un’epoca di maturazione anticipata, tutte cose che si traducono in una personalità dei vini che è del tutto peculiare.

Oggi, se posso dirlo senza mancare assolutamente di rispetto al grande Oscar Cenci, si respira un’aria nuova alla Boscaiola: sono state rinnovate le etichette, su cui si legge la dicitura Vigneti Cenci (cosa che non appare sul sito Internet), e tutti i vini sembrano avere una marcia in più, sembrano aver raggiunto una sorta di rinnovata trasparenza e limpidezza, una definizione più netta.

E’ il caso, ad esempio, del Franciacorta Pas Dosé Cuvée Zero, mix di Chardonnay e Pinot bianco che in un campione con oltre un anno di sboccatura definirei colore paglierino brillante luminoso, naso molto agrumato, con sfumature di ananas, pesca bianca, noce, frutta secca non tostata, nocciola, bocca nervosa, viva, incisiva, di bella energia non molto ampia ma precisa, croccante, salata, con una persistenza lunga e viva e grande piacevolezza.

Azienda agricola La Boscaiola Vigneti Cenci
Via Madonna della Pace 18
25033 Cologne Bresciano
Tel. 0307156386
e-mail infowine@laboscaiola.com
sito Internet http://www.laboscaiola.com/

Attenzione! Non dimenticate di leggere anche:

 

 

1 commento

Condividi

Un commento

  1. Michele R.

    dicembre 24, 2015 alle 4:38 pm

    Colgo l’occasione di questa uscita prenatalizia per ringraziarla dei servizi che ci offre e, soprattutto per augurare a lei e famiglia Buone Feste, accompagnate sempre da ottimi vini.
    Michele R.

Lascia un commento

Connect with Facebook