Incredibile: 48 bottiglie di Champagne sabrées in un minuto il 31 dicembre a New York!

record-du-monde-sabrage-de-champagne_5180453

Una “americanata” da Guinness World Record

Il mondo è proprio bello perché è vario. C’è chi preferisce… il Prosecco e c’è chi invece lo Champagne, ma non si accontenta di stapparlo con ogni cura, facendo saltare il tappo lentamente e senza far rumore per poi versarlo nel bicchiere (no flûte please!), ma il grande vino francese si diverte ad aprirlo con l’antica, e un po’ rischiosa, tecnica del sabrage. Servendosi nientemeno che di una sciabola (sabre à Champagne) che viene fatta scivolare lungo il corpo della bottiglia verso il collo. Con la forza della lama che va a colpire il labbro del collo “sufficiente per rompere il vetro e separare di netto il collo dal collare che, insieme con il tappo, viene sparato via”.

Una pratica un po’ rischiosa e decisamente spettacolare diventata popolare in Francia all’epoca di Napoleone quando la cavalleria leggera dell’esercito, ovvero gli ussari, festeggiavano le vittorie servendosi della sciabola per aprire le bottiglie. Pare incoraggiati dall’Empereur stesso che amava dire: “Le champagne, dans la victoire, on le mérite, dans la défaite, on en a besoin !“.

E così negli United States, secondo mercato estero (dati 2013) con quasi 18 milioni di bottiglie importate, dove lo Champagne si consuma anche in maniera un po’ spettacolare, hanno pensato bene di unire il piacere di una buona bottiglia con la passione per i record, stabilendo, lo scorso 31 dicembre, un nuovo primato. Da inserire in quel Guinness World Record dove figurano le performance più stravaganti.

SabreChampagne

Il nuovo performer nella singolare (e un po’ assurda: quante buone “bulles” sprecate!) pratica di aprire le bottiglie di Champagne con il sabrage si chiama Franck Esposito, è general manager della Baldwin’s Coral House e con 48 bottiglie sabrées in un minuto (vedete il filmato proposto dal quotidiano champenoise L’Union L’Ardennais) ha battuto il precedente record di 47 bottiglie stabilito dal sudtirolese Mirko Rainer a Mendrisio in Svizzera, lo scorso 6 settembre 2014.

Esposito, che ha iniziato la propria carriera nel 1980 nel ristorante di famiglia, Nina’s Inn a Brooklyn NY e ha raggiunto il team della Coral House nel 1995 fino a diventarne general manager, confessa di aver iniziato da ragazzo a dilettarsi nella pratica del sabrage, considerandola molto divertente. Si accontenterà di questo record di 48 bottiglie stappate “à la sabre”, o proverà ad essere il primo a tentare di raggiungere (e magari superare) la soglia delle 50 bottiglie in un minuto?

____________________________________________________________________

Attenzione!: non dimenticate di leggere anche Vino al vino
www.vinoalvino.org e il Cucchiaio d’argento!

4 commenti

Condividi

4 commenti

  1. Marco

    gennaio 5, 2015 alle 2:05 pm

    Si potrebbe pensare di battere il record utilizzando delle bottiglie di un metodo classico italiano così da farlo conoscere a molte persone attraverso la pubblicità generata da un Guinness World Record. Io sono disponibile ad allenarmi se qualche casa spumantistica mettesse a disposizione le botiglie per i vari allenamenti 🙂 con simpatia, saluti

    • redazione

      gennaio 5, 2015 alle 2:47 pm

      bella idea, ne parlo con qualcuno di mia conoscenza: ghe pensi mi’… Anzi, statt buon guaglio’ come avrebbe detto Pino Daniele 🙁

  2. Franz

    gennaio 5, 2015 alle 5:26 pm

    Attenzione alle bottiglie “fasulle” o difettate , 4/5 atmosfere sparano i vari vetri frantumati anche a 5 metri. . .provare per credere

  3. Charles Scicolone

    gennaio 6, 2015 alle 9:13 pm

    Franco, I am one of those people that think it is a waste of good Champagne. But seeing it done is always quite impressive.

Lascia un commento

Connect with Facebook