Partita alla grande la degustazione di Franciacorta al Franciacorta Outlet Village

Champagne-fotodic2014 113

Una bella iniziativa da ieri sino a Capodanno 

Ho già annunciato qualche giorno fa qui, quella che ho definito una bellissima iniziativa da segnalare a tutti coloro (e sono decisamente in tanti) che amano il Franciacorta Docg in tutte le sue espressioni e gradiscono fare un po’ di shopping (finché la UE ed il portafoglio lo consentiranno…) in un ambiente simpatico. Al Franciacorta Outlet Village in quel di Rodengo di Saiano, dal ieri fino al Capodanno si tiene l’iniziativa Land of taste. (provare a chiamarlo in italiano o bresciano no?)

Di cosa si tratta? E’ presto spiegato. Nella piazza centrale di questo bel centro commerciale, 33 cantine franciacortine proporranno “un fitto programma di degustazioni all’interno di un pop up store creato ad hoc”. Per il Franciacorta Outlet Village, “si tratta di un’importante occasione per sottolineare ancora una volta il legame con il territorio, un’iniziativa volta a valorizzare l’eccellenza della produzione vinicola della Franciacorta”.

In altre parole, tra un’occhiata alle vetrine di abbigliamento, di arredamento per la casa, e cose varie, ogni giorno, con quattro cantine a rotazione, si potrà compiere nello spazio Land of Taste un percorso guidato (a pagamento) delle differenti tipologie di Franciacorta. L’evento vedrà la presenza di aziende storiche, che hanno contribuito alla nascita del brand Franciacorta, ma anche realtà più giovani (cito Elisabetta Abrami e Derbusco Cives), che hanno visto in questa iniziativa un’importante vetrina, considerando il flusso di visitatori del Franciacorta Outlet Village durante le feste (stimato per il 2014 a 400.000 presenze).

ProgrammaOutletFranciacorta

L’iniziativa si svolge in collaborazione con Tuam, uno store di specialità enogastronomiche che si fregia del prestigioso logo del Consorzio Franciacorta, una effe merlata, simbolo delle antiche torri medievali che caratterizzano il territorio. Il pop up store che ospiterà l’iniziativa è un’elegante teca in alluminio satinato e vetro, con un dehor coperto; all’interno le cassette dei vini diventano originali ripiani e scaffali, mentre i banchi d’assaggio delle cantine riportano il logo del Franciacorta. Ricordo che il programma prevede

2 degustazioni + 1 bicchiere logato con la F del Consorzio (8 euro)

4 degustazioni + 1 bicchiere logato con la F del Consorzio (12 euro)

4 degustazioni + 2 bicchieri logati con la F del Consorzio (16 euro)

franciacorta-outlet

Giovedì, trovandomi in zona ho fatto un salto a Rodengo Saiano presso il Franciacorta Outlet Village, raggiungibile facilmente dall’uscita autostradale di Ospitaletto, e ho visto i lavori in corso, parlato con i responsabili della bella iniziativa e visitato il nuovo ampio food store (nella vecchia sede, più piccola, ero stato diverse volte, insieme ad una cara amica appassionata di bollicine come me) nel quale saranno disponibili, in coincidenza con il loro turno di presenza a Land of taste, i vini delle aziende di volta in volta in scena, con speciali promozioni. Io se fossi in voi – io ci tornerò martedì 16, che sarò di nuovo in Franciacorta per un incontro speciale e per una visita agli amici di Corte Fusia ci farei un salto.
Ho persino scoperto che una delle commesse del mio negozio di intimo prediletto è un’appassionata di bollicine nonché lettrice di questo blog… E mo’ chi lo molla più questo Outlet?

____________________________________________________________________

Attenzione!: non dimenticate di leggere anche Vino al vino
www.vinoalvino.org e il Cucchiaio d’argento!

4 commenti

Condividi

4 commenti

  1. clorinda

    dicembre 14, 2014 alle 3:32 pm

    Caro dottor Franco, lei è un angelo. Queste iniziative sono proprio utilissime per noi casalinghe impegnate a scegliere bene spendendo il giusto. Mi ha segnalato il blog una amica carissima, che segue anche quell’altro di vinoalvino (io meno) e non posso più rinunciare alla sua competenza. Provi a immaginare che cosa sappiamo noi delle bollicine. Niente. Eppure stanno entrando nel mio menu della festa.

    • redazione

      dicembre 14, 2014 alle 3:53 pm

      ma che angelo e angelo! Sono mica Gaja io, sono solo Ziliani….
      Ricordo che in uno dei nostri ultimissimi colloqui telefonici proprio l’Angelo del Langhe Nebbiolo mi disse “fai un cattivo uso della tua intelligenza”. Al che gli risposi: “ovviamente, altrimenti sarei Angelo Gaja”. Una sorridente presa per il…

      • clorinda

        dicembre 14, 2014 alle 11:01 pm

        Dottor Franco, scusi tanto ma io non conosco il signore Gaia di cui parla. Vede che dicevo il giusto, noi donne di casa siamo all’oscuro di tante cose. Io però un part time ce l’ho, una cosa modesta che però aiuta. Buona sera. Spieghi e racconti che ci sta dando un sacco di nozioni preziose. Vorrei anche che ci facesse una piccola guidina per le bollicine da bere per il santo Natale. Grazie di cuore.

        • redazione

          dicembre 14, 2014 alle 11:44 pm

          lo farò sicuramente nei prossimi giorni gentile clorinda (complimenti per il suo nome che sa tanto di opere di Mozart…)

Lascia un commento

Connect with Facebook