La Francia ancora punto debole delle expéditions de Champagne 2014

nonéchampagne

Le proiezioni parlano di una possibile crescita a fine 2014 dell’uno per cento

Sempre grazie all’indispensabile blog Champagne un monde de bulles in coincidenza con la mia partenza per una tre giorni in quel di Reims, invitato dal CIVC in occasione dei festeggiamenti dei primi dieci anni del Concours européen des Ambassadeurs du Champagne, apprendo le notizie più recenti sull’andamento delle expéditions de Champagne aggiornato al mese di agosto 2014.

Rispetto all’agosto 2013, le spedizioni agostane 2014 indicano un volume di 20,4 milioni di bottiglie, con un calo del 2,8%. Si conferma il trend dei primi mesi di quest’anno, con i Paesi terzi in crescita e Francia ed Europa in calo. La Francia contiene le perdite ad agosto 2014 rispetto allo stesso mese di un anno fa al 4,8%, mentre l’Unione Europea fa un tonfo pari al meno 10,4%.
AmbassadeurChampagne

Calano i vini delle cooperative, del 15,6%, dei vignaioli, del 6,5%, mentre gli Champagne delle Maison perdono solo uno 0,3%. Le statistiche relative ai primi otto mesi del 2014 vedono le spedizioni aumentare dell’1,4% rispetto ad un anno fa, toccando quota 155 milioni di bottiglie. La Francia, che da sola rappresenta il 50,9 dei consumi, si ferma a 78,8 milioni di pezzi, con un decremento del 3%, mentre l’export in generale sale del 6,5%.

Le spedizioni nei Paesi dell’Unione Europea aumentano del sei per cento, e con 36,1 milioni di pezzi riguardano il 23,3% del totale delle spedizioni. I Paesi terzi, in crescita del 6,9%, superano quota 40 milioni di bottiglie, che equivale al 25,8% delle spedizioni. Ragionando, in prospettiva, su 12 mesi, le spedizioni fanno toccare un piccolo, ma incoraggiante, rialzo dell’uno per cento, e raggiungerebbero 307,2 milioni di bottiglie.

Che fare dunque, e io lo farò gioiosamente in questi giorni, che stappare e bere Champagne?

_____________________________________________________________________

Attenzione!: non dimenticate di leggere anche Vino al vino
www.vinoalvino.org
e il Cucchiaio d’argento!

Lascia un commento

Condividi

Lascia un commento

Connect with Facebook