Prosecco Superiore: c’è anche l’Asolo…

LogoConsorzioProseccoAsolo
Un post, doveroso, per ricordarne in pillole l’esistenza e la realtà

Devo fare ammenda, perché spesso, scrivendo di Prosecco, mi limito a parlare di Prosecco Doc, prodotto nel Veneto e in Friuli Venezia Giulia, e del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg, dimenticando che anche se i numeri sono molto più piccoli rispetto ai primi due, l’imbottigliato ammonta a 1.187.465 bottiglie, l’Asolo Prosecco, Docg, ha una sua dignità e merita di essere ricordato.

Cosa che faccio ora, dietro una cortese e garbata sollecitazione del Presidente del Consorzio, Armando Serena (un cognome che per me interista è musica e mi fa ricordare tempi belli) fornendo un po’ di dati interessanti, ad esempio l’andamento degli imbottigliamenti dall’1-1 al 30-8-2014, che passano da 799.226 bottiglie del 2013 a 1.013.936 bottiglie.

Serena mi dice che “leggendo i dati degli ettari piantati nel Asolo-Montello a Glera e già ora rivendicabili come Asolo Prosecco DOCG, si può riscontrare che la produzione potenziale è di oltre 15 milioni di bottiglie l’anno. Purtroppo la resa massima del vecchio disciplinare dell’Asolo DOCG a 120 q.li/ettaro ha sempre rallentato il nostro sviluppo perché i viticoltori preferivano rivendicare la Glera come Prosecco DOC a 180 q.li/ettaro ricavandone un PLV sensibilmente maggiore”.
MappaProsecco-conAsolo

Difatti i numeri dicono che l’Asolo Prosecco Superiore conta su 1060 ettari, con una produzione potenziale di 2.671.555 bottiglie, ma le produzioni potenziali del territorio ammontano a 136.572 ettolitri, ovvero 18 milioni di bottiglie di cui 15.500.000 Asolo Prosecco Superiore Docg. Attualmente la commercializzazione riguarda l’export per il 55%.

L’area di produzione della DOC Montello e Colli Asolani e della DOCG «Colli Asolani – Prosecco» o «Asolo – Prosecco» si sviluppa a nord ovest della città di Treviso, nella prima fascia collinare pedemontana. E’ un territorio che si estende da est ad ovest e con precisione dall’abitato di Nervesa della Battaglia all’abitato di San Zenone degli Ezzelini e comprende l’intero abitato dei paesi di Castelcucco, Cornuda, Monfumo e parte del territorio di 14 comuni tra cui Asolo, Montebelluna, Crocetta del Montello, Nervesa della Battaglia, Volpago del Montello.

Anche se piccolo l’Asolo Prosecco Docg si sta facendo notare e già da metà 2014 più di qualche ditta di dimensioni notevoli ha manifestato l’interesse ad inserirlo come diversificazione dell’offerta del Prosecco nelle proprie linee commerciali. Attualmente il disciplinare di produzione prevede come base ampelografica Glera per un minimo dell’85% poi Bianchetta Trevigiana, Perera, Glera lunga.

MappaProseccoAsolo

Recentemente sono state apportate delle modifiche al disciplinare, con il passaggio dal nome Colli Asolani a Asolo Prosecco superiore per lo spumante, l’allargamento della produzione di Prosecco anche a Borso del Grappa e Crespano del Grappa, già compresi nelle aree del Montello rosso Docg e della Doc Montello Colli Asolani, la significativa estensione da 300 a 400 metri di altezza della zona di produzione Asolo Superiore, un aumento della resa per ettaro, non scandaloso, da 120 a 135 quintali, con gradazione minima di 9 gradi per i vini base per produzione di spumanti e frizzanti.

Inoltre è stata decisa l’esclusione del nome del vitigno Glera per i superi e per i vini non qualificabili come Docg, nonché per le quote di rese di cantina superiori a 70% e fino a 75% e non classificabili come Docg Asolo Prosecco e l’introduzione della riserva vendemmiale da usare nelle annate di particolare pregio. Quindi si potrà vinificare Asolo Prosecco anche nell’intero territorio della Docg Conegliano Valdobbiadene, con estensione delle tipologie di spumanti consentite da Extra Brut a Demisec e dei frizzanti da secco a amabile. Infine l’adozione della chiusura con tappo corona per Prosecco Docg frizzante con fermentazione naturale in bottiglia e del tappo a vite Stelvin per tutte le tipologie.
PiramideProsecco-conAsolo

Come mi dice Serena, “gli spazi quindi ci sono e sono importanti; il Consorzio dovrà riuscire a gestire l’auspicata crescita programmandola anno dopo anno in collaborazione con gli imbottigliatori: già ora questo è uno dei nostri obiettivi focali”. E pertanto “per effetto della modifica del nostro disciplinare, nel corso del 2105 prevediamo di raddoppiare (se non triplicare) il volume d’imbottigliamento dell’Asolo Prosecco DOCG”.

Non posso che augurare a questo piccolo tra i Prosecchi buona fortuna e di cavarsela nell’abbraccio tra i due altri potenti, per massa produttiva, Prosecco, Doc e Docg. Va bene che il Prosecco tira, in tutto il mondo, ma io ci andrei con cautela prima di portare la produzione a 4-5 milioni di pezzi….

_____________________________________________________________________

Attenzione!: non dimenticate di leggere anche Vino al vino
http://www.vinoalvino.org/ e il Cucchiaio d’argento!

Lascia un commento

Condividi

Lascia un commento

Connect with Facebook