Vendite di Champagne in leggero rialzo nel primo semestre 2014

Champagne-cartina

La notizia è positiva, anche se non è di quelle per cui vale la pena stappare…Champagne. Dal Comité interprofessionnel du vin de Champagne è arrivata nei giorni scorsi la notizia che al giro di boa del primo semestre 2014 le spedizioni di Champagne chiudono con segno positivo, anche se si tratta solo di un piccolo 1,1%.

Continua l’andamento negativo delle vendite in Francia, con un calo del 3,6% rispetto al primo semestre 2013, compensato da una progressione del 5,5% nei Paesi terzi e dell’8% in Europa.

Secondo il parere del presidente del CIVC Jean-Marie Barillère “le vendite di Champagne sono un segnale rivelatore del morale e della salute dell’economia mondiale. Noi avvertiamo segni di ripresa nel mondo ed in Europa, ma non in Francia”. A suo avviso sono in crescita e dovrebbero raggiungere livelli record, le esportazioni verso i Paesi al di fuori dell’Unione Europea e i produttori devono prendere atto di questa nuovo trend consolidato e attrezzarsi.

In ambito CIVC è stata presa una decisione molto importante: nel corso della vendemmia 2014 le rese commercializzabili saranno di 10.500 chilogrammi di uva per ettaro e i viticoltori avranno la possibilità di raccogliere fino a 3100 chilogrammi in più per ettaro per ricostituire le riserve personali alle quali hanno attinto negli anni scorsi per compensare vendemmie non abbondanti. Si ipotizza di raggiungere quota 305 milioni di bottiglie commercializzate. Se le vendite superassero quota 307 milioni, verranno sbloccati ulteriori 100 chilogrammi ad ettaro dalle riserve di cui i produttori dispongono.

_____________________________________________________________________

Attenzione!: non dimenticate di leggere anche Vino al vino
http://www.vinoalvino.org/ e il Cucchiaio d’argento!

Lascia un commento

Condividi

Lascia un commento

Connect with Facebook