Franciacorta Satèn La Fiorita

Denominazione: Franciacorta Docg
Metodo: classico
Uvaggio: Chardonnay
Fascia di prezzo: da 10 € a 20 €

Giudizio:
8


FOR THE ENGLISH VERSION CLICK HERE

Ho già più volte sottolineato il carattere di assoluta sorpresa ed in alcuni casi di rivelazione che una recente, ampia e onnicomprensiva degustazione di Franciacorta della tipologia un po’ “modaiola” Satèn (una settantina di campioni degustati in maniera coperta, senza conoscere a quale vino e azienda mi trovassi davanti), a bocce ferme e risultati compiuti ha avuto.
Svariate conferme di vini che tradizionalmente eccellono in questo genere di Franciacorta che tende ad essere più “morbidone” e cremoso che gli altri, qualche delusione abbastanza clamorosa e diversi risultati, è questa la verità e la bellezza del vero blind tasting, su cui, sulla carta, non avrei scommesso un centesimo.
O per una forma di giudizio non esaltante, (non pregiudizio, ché questo sarebbe intellettualmente disonesto) dovuto a precedenti esperienze non positive maturate su certi vini e realtà produttive o per una mia non conoscenza di determinate aziende e del loro modus operandi.
E allora, così come avevo già fatto ad inizio 2013, parlando, potete rileggere qui, del loro Dosaggio Zero, torno a scrivere molto volentieri dell’Azienda Agricola La Fiorita di Ome (area nord orientale della denominazione) creata quarant’anni orsono da Paolo Bono, che dopo aver lavorato altrove per due decenni, aveva scelto di ritornare in Franciacorta, impiantare il primo vigneto e realizzare la prima struttura.
Sei i Franciacorta prodotti a partire dall’annata 2000, Brut, Extra Brut, Zero, Rosé, Extra Brut riserva millesimato (Eurosia) e Satèn appunto, ottenuti da 7 ettari vitati allevati a Chardonnay e Pinot nero, per una produzione da piccolo récoltant manipulant intorno alle 60 mila bottiglie.
La struttura comprende anche un agriturismo, creato nel 1989, gli alloggi ed infine la fattoria didattica, poi vinicola, con la nuova cantina di 2000 metri quadrati su due livelli inaugurata tre anni orsono. Cantina che accoglie anche un piccolo ristorante, aperto il venerdì sera, sabato e domenica (e anche nelle festività) a pranzo e cena, che propone una cucina tipica di territorio, con piatti della tradizione franciacortina e bresciana creati utilizzando prodotti genuini davvero a chilometro zero provenienti dall’orto, dall’allevamento (il locale è noto per le sue costate) e dalla cantina.
Venendo a noi, al nostro Satèn, non millesimato, questo riposa 24 mesi lieviti e presenta un dosaggio di 9 grammi litro che lo rende morbido il giusto ma senza esagerazioni e sdolcinature, preservando quella freschezza e quel carattere acido che poi si traducono con piacevolezza che agevolano la beva ed il consumo a tavola del vino.
Colore intenso, un paglierino carico, ma brillante, si propone all’assaggio con un naso un po’ evoluto e maturo nei toni, con una vena di agrumi canditi e una nota fruttata, frutta esotica, ananas e un accenno leggermente burroso. In bocca é molto morbido e cremoso, con una bollicina fine e non aggressiva, e poi sul palato si distende con una bella continuità e persistenza lunga e piena di sapore, lasciando la bocca viva e molto pulita, con un apprezzabile nerbo e sapidità finale.
Se non lo conoscete, vale sicuramente la pena provarlo.

Cantine La Fiorita
Via Maglio, 10
25050 Ome (BS)
tel. e fax 030 652279
e-mail info@lafioritafranciacorta.com
sito Internet http://lafioritafranciacorta.com/site/

___________________________________________________________

Attenzione!
non dimenticate di leggere anche Vino al vino

http://www.vinoalvino.org/

 

Lascia un commento

Condividi

Lascia un commento

Connect with Facebook