Oltrepò Pavese Brut Nature Profilo millesimato 2000 Picchioni

Denominazione: Oltrepò Pavese Docg
Metodo: classico
Uvaggio: Pinot nero, Chardonnay
Fascia di prezzo: da 25 € a 35 €

Giudizio:
8


ProfiloPicchioni

Devo proprio dire che valeva la pena accogliere l’invito del bresciano ma oltrepadano d’adozione Roger Marchi a fare un salto al Vinitaly allo stand dove erano presenti piccoli produttori targati O.P., animati dalla “pazza idea” di dare un’immagine un po’ migliore di come la zona istituzionalmente riesca a dare, della loro bellissima, ma un po’ complicata, zona di origine. Valeva la pena perché oltre a trovare conferma che Bruno (Paolo) Verdi produce un eccellente Cruasé, che nella versione 2009 è un po’ più rotondo e succoso del solito (il grado zuccherino, dovuto alla maturità delle uve, è di 10-11 grammi litro) ma è comunque esemplare della sua tipologia, ho avuto un riscontro molto migliore del solito dal metodo classico di uno dei virtuosi del Buttafuoco, Andrea Picchioni da Canneto Pavese.

In altre occasioni questo metodo classico, una cuvée di 85% Pinot nero e 15% Chardonnay, uve provenienti dall’areale di Stradella, affinata undici anni sui lieviti, mi era sembrato un po’ “gnucco”, materico, ma carente di freschezza, autocompiaciuto della propria possente costruzione.

In questa occasione, degustando il millesimato 2000, con sboccatura novembre 2012, mi sono trovato di fronte ad un metodo classico decisamente ben più bilanciato e soprattutto piacevole, dotato di un innegabile appeal. Magnifico il colore, un oro squillante di strepitosa lucentezza, abbastanza fine e continuo il perlage, e sorprendente per fittezza il bouquet, tutto ananas e agrumi, ben maturo e cremoso, quasi burroso eppure fresco e fragrante, pimpante in perfetta forma.

Largo e pieno, ricchissimo, con “tanta roba” il primo impatto in bocca, molto strutturato, e anche se forse l’allungo ed il dinamismo ed il nerbo non sono esattamente quello che un “verticalista” come me avrebbe prediletto, è indubbio che anche se la profondità non è da record, il carattere ben secco e deciso, il vigore, l’energia, non mancano di certo, come pure, ed è l’aspetto più stupefacente, l’integrità del vino, la grande freschezza.

Ovviamente non un metodo classico da “sbicchierare”, ma qualcosa di importante, ben strutturato, da portare a tavola e con i quale divertirsi a metterlo alla prova con abbinamenti diversi, anche i più sorprendenti e inusitati. Al paziente e tranquillo Picchioni, al quale in passato non avevo lesinato qualche critica, i miei complimenti.

Azienda agricola Picchioni Andrea
Frazione Campo Noce 4, 27044 Canneto Pavese (PV)
Tel +39.0385.262139
Fax +39.0385.262040
e-mail: picchioniandrea@libero.it
sito Internet http://www.picchioniandrea.it/

___________________________________________________________

Attenzione!
non dimenticate di leggere anche Vino al vino

http://www.vinoalvino.org/

2 commenti

Condividi

2 commenti

  1. Mario Gagliardi

    aprile 23, 2013 alle 6:30 pm

    Egregio Ziliani, buonasera. Bene,quattro stelle, quasi l’eccellenza, e valutato da lei, c’è da fidarsi.Vuol dire che anche dall’Oltrepò possono giungere buone notizie enoiche. Io penso,anzi sono sicuro, che questo territorio nel prossimo futuro ci riserverà magnifiche sorprese.

  2. Pingback: Oltrepò Pavese Brut Nature Profilo millesimato 2000 Picchioni | Il Prosecco

Lascia un commento

Connect with Facebook