60 candeline sulla torta per Vittorio Fusari genio degli chef franciacortini

vittorio-fusari-520

Invito tutti gli appassionati della Franciacorta e dei Franciacorta Docg e della splendida cucina, di terra, di lago, di cortile, che nelle sue migliori espressioni si può gustare nella vivacissima zona vinicola bresciana, ed i lettori di Lemillebolleblog e Vino al vino ad unirsi a me nel porgere i più affettuosi auguri ad uno dei grandi interpreti della cucina franciacortina e bresciana, il vecchio amico Vittorio Fusari, che proprio oggi taglia il traguardo dei suoi primi meravigliosi, operosi 60 anni.
Una grande torta con 60 candeline, ognuna per i Barolo ed i Franciacorta del suo cuore, per questo cuoco tutto genio e attaccamento alla propria terra (è nativo di Iseo), uno dei migliori allievi di quel Maestro che corrisponde al nome riverito di Gualtiero Marchesi, che opera da anni in quel posto a me particolarmente caro (l’ho scelto come uno dei ristoranti del mio cuore in una recente intervista rilasciata a Vanity Fair ) che è la Dispensa pani e vini Franciacorta di Torbato di Adro, e dove il 18 febbraio si svolgerà una “maialata delle 13 lune” che mi perderò solo perché sarò in Toscana.
In attesa di farglieli prestissimo di persona – purtroppo non oggi come vorrei tanto e come potrò fare solo per telefono – da questo blog, che lui legge, l’espressione degli auguri più affettuosi e sinceri. Quelli che si fanno, in una grande occasione come questa, ai veri amici, a coloro che hanno lasciato e lasciano e lasceranno, (perché i “diversamente giovani” non si fanno certo mettere da parte e hanno ancora un mare di energie da spendere e vita da vivere e cose belle da gustare, vedere, raccontare, sognare) un segno forte nella terra, nel tempo che é stato loro assegnato dalla Vita, dal Destino, dal Caso, perché fossero protagonisti. E non semplici spettatori.
E Vittorio Fusari protagonista e di primissimo piano della cucina italiana e della ristorazione franciacortina eccome se lo è stato. Auguri Vito!!!

___________________________________________________________

Attenzione!
non dimenticate di leggere anche Vino al vino

http://www.vinoalvino.org/

una cosa mi pare certa da qui al prossimo 24-25 febbraio: occorre Fare per Fermare il declino!

7 commenti

Condividi

7 commenti

  1. Elisabeth

    febbraio 3, 2013 alle 1:16 pm

    TANTISSIMI AUGURI VITTORIO!!!
    Mi congratulo perche’ non avrei mai indovinato la sua eta’!
    Spero di passare presto a gustare i suoi squisiti piatti 🙂
    elisabeth

  2. Roberto

    febbraio 4, 2013 alle 8:44 am

    davvero un grande cuoco e una grande persona Vittorio. Lo può confermare chiunque l’abbia conosciuto

    • Franco Ziliani

      febbraio 4, 2013 alle 8:48 am

      che Vittorio sia una persona stupenda l’ha dimostrato anche ieri sera, nel corso della bellissima festa che gli amici (quorum ego) gli hanno preparato a sorpresa alla Dispensa. Un’iniziativa stupenda, piena di momenti indimenticabili, come l’abbraccio tra Vittorio ed il suo grande Maestro, l’ineguagliabile Gualtiero Marchesi. E’ stato un privilegio aver potuto partecipare

  3. Mario Gagliardi

    febbraio 4, 2013 alle 8:48 pm

    Gentile Ziliani, buonasera. Davvero una bella festa,tanta bella gente,e tanti amici. Il gruppo dei Bergamaschi era presente.Grande Vittorio.

    • Franco Ziliani

      febbraio 4, 2013 alle 8:58 pm

      é stato un vero piacere per me, un piacere nel piacere, averla conosciuta personalmente Mario

  4. Mario Gagliardi

    febbraio 4, 2013 alle 9:50 pm

    Egregio Ziliani, il piacere è tutto mio. Non poteva esserci occasione migliore,alla prossima.

  5. Roger Marchi

    febbraio 5, 2013 alle 11:33 pm

    Aggiungo i miei auguri (e la mia ammirazione) a Vittorio Fusari, anche se l’ho conosciuto di persona solo recentemente. Ho avuto però la fortuna di seguire le tappe della sua crescita professionale al Volto, alle Maschere e infine alla Dispensa, e – da bresciano e appassionato di “pani e vini” – mi fa molto piacere questo post di Franco Ziliani, omaggio sincero a un esemplare “propheta in patria”.

Lascia un commento

Connect with Facebook