L’Associazione FAN spegne la sua prima candelina con una bella festa

Fan1Valeva proprio la pena partecipare, giovedì scorso, 24 gennaio, alla festa, tenutasi in una cantina di Adro, organizzata per festeggiare il primo compleanno dell’Associazione FAN FranciacortAppassioNati.
Che cosa sia questa Associazione lo potete capire guardandovi questo video di Youtube e rileggendovi quanto ho scritto, parlando di un ottimo Franciacorta Docg prodotto da due dei più attivi associati, in questo post. Dove troverete una serie di commenti “dal sen fuggiti” come avrebbe detto il Metastasio.
Valeva la pena essere presenti allo spegnimento della prima candelina di un qualcosa che non è stata pensata e non agisce in contrapposizione al Consorzio Franciacorta, come può aver detto solo qualche persona disinformata o in malafede, ma vuole introdurre un’altra modalità di espressione di chi opera a vario titolo, titolari di aziende, cantinieri, enologi, addetti commerciali, nella filiera franciacortina, perché è stata una bella serata.
Animata da persone che credono nella Franciacorta e nel Franciacorta, che provano, senza vergognarsi (e perché dovrebbero mai, “signori” Zakk, Il Contestatore e “coraggiosi” professionisti del commento anonimo?) un legittimo orgoglio franciacortino. Che se ne fregano altamente degli eno-snobismi anti-franciacortini all’Andrea Scanzi e si tirano giornalmente su le maniche perché in questa zona vinicola lombarda si creino qualità, ricchezza, lavoro, una forte identità produttiva, un modus operandi rispettoso dell’ambiente, se possibile naturale ed eco-compatibile.
E’ stato bello, per me che franciacortino (di nascita e di residenza) non sono, anche se vivo a Bergamo, solo trenta chilometri di distanza dalla capitale della zona, Erbusco, apprendere che i soci hanno già raggiunto quota 66, di cui 41 cantine (cosa aspettano le oltre 60 che mancano all’appello ad aderire? Vogliono forse una vecchia Franciacorta, sono ostili al nuovo?), e incontrare a quella che è stata una vera e propria festa, anche un po’ “caciarona”, con tanto di dj e musica disco ad alto volume, non solo tantissimi giovani.
Ma anche e soprattutto quelli che con efficacia il padrone di casa, Bruno Muratori (con il quale un giorno voglio fare un discorso franco a quattr’occhi) ha chiamato i “diversamente giovani”, ovvero genitori e zii dei FranciacortAppassioNati, produttori, faccio alcuni nomi a caso, Enrico e Paola Gatti ed Enzo Bazzarini, Bruno Dotti, Emanuele Rabotti, Giuseppe Vezzoli, Roberto Gatti, che conosco da una vita, dalla fine degli anni Ottanta.  E come dimenticare quello che secondo i bookmaker potrebbe diventare (Vittorio Moretti permettendo) un eccellente nuovo presidente del Consorzio Franciacorta a secondo mandato di Maurizio Zanella ultimato, ovvero l’enologo della Guido Berlucchi e vero erede del grande Franco Ziliani, Arturo Ziliani, presente con tanto di simpatica consorte candidata (indovinate per chi) alle prossime elezioni?
E poi tanti altri amici della Franciacorta, come l’inquieta coscienza critica Giovanni Arcari, il raffinato enologo Nico Danesi, l’appassionata ambasciatrice del Franciacorta in Polonia, Elisabeth Babinska Poletti, Patrizia Ucci, consorte dello chef supremo Vittorio Fusari, un ristoratore in gamba come Roberto Gozzini, Andrea, il figlio  del vecchio amico Aldo Pagnoni, Gian Mario Bariselli e un sacco di altri ancora i cui nomi, e me ne scuso, mi sfuggono mentre scrivo.

SerataFAN

Voglio pubblicamente fare i miei complimenti a chi ha avuto la bella idea di dare vita a questa associazione, Jessica e Dario Vezzoli, Gigi Nembrini e Daniele Gentile, Carmelo Raco, Michela Muratori, Raffaello Vezzoli, per aver creduto che il vino, il Franciacorta, potesse diventare tema di aggregazione intelligente, non banale, vivo, per tanti ragazzi che vivono il loro tempo con intensità, pienezza, entusiasmo e tanta voglia di fare. Anche per fermare il declino di questa nostra Italia, che ha bisogno di energie nuove, di un rinnovamento, di un dialogo tra le nuove generazioni, che spingono per emergere ed in molti casi sono già emerse, e l’esperienza dei “veci”, i “diversamente giovani”, che non pensano proprio sia arrivata l’ora di “rottarmarli” e che vogliono, prima di passare loro il testimone e fare loro tanti auguri, accompagnare e consigliare, senza paternalismi, i più giovani.
Una bellissima serata, scandita da buone cose da mangiare, preparate da una società il cui nome è tutto un programma “le Perlage”, e soprattutto da un ragionevole numero di bicchieri di Franciacorta Docg. Gustati, comparati, bevuti in un clima disteso, operoso e amicale. Che fare quindi se non augurare lunga vita e cento di queste feste all’Associazione FAN FranciacortAppassioNati?

___________________________________________________________

Attenzione!
non dimenticate di leggere anche Vino al vino

http://www.vinoalvino.org/

una cosa mi pare certa da qui al prossimo 24-25 febbraio: occorre Fare per Fermare il declino!

12 commenti

Condividi

12 commenti

  1. Franco Ziliani

    gennaio 30, 2013 alle 8:54 am

    acciperbacco che faccia da matto ho in questa foto… 🙂

  2. Giovanni Arcari

    gennaio 30, 2013 alle 11:29 am

    In qualità di giovane “che non sembra più giovane” ti ringrazio per aver dato voce -come meritano- a questi attivisti, che in un anno hanno dimostrato di saperci fare e di voler fare ancora meglio!
    In merito alla foto preferisco glissare 😉 invece mi piacerebbe approfondire “quello che secondo i bookmaker potrebbe diventare (Vittorio Moretti permettendo) un eccellente nuovo presidente del Consorzio Franciacorta”… siamo sicuri?

  3. Zakk

    gennaio 30, 2013 alle 1:10 pm

    Solo una domanda: ma chi paga le spese per organizzare le feste dei FAN? Cosa si beve in queste feste? Intendo con che modalità si decide quali vini e di quali aziende verranno versati?
    È una curiosità.

    • Franco Ziliani

      gennaio 30, 2013 alle 3:35 pm

      me l’aspettavo Zakk un suo intervento. Potrei rispondere ma lascio che la risposta ufficiale arrivi dai giovani FAN

      • zakk

        gennaio 30, 2013 alle 10:22 pm

        beh, non è un intervento cattivo.
        Se l’aspettava? 🙂

  4. José Pellegrini

    gennaio 30, 2013 alle 1:28 pm

    Ti è proprio piaciuto e ti sei davvero divertito. Condivido. Ciao, da una diversamente giovane , che alla fine non è riuscita a salutarti, ma ha apprezzato molto la tua presenza.Josè

  5. Raffaello Vezzoli

    gennaio 30, 2013 alle 8:40 pm

    Buona sera.
    Prima di tutto una premessa che è anche una curiosità: a me piace avere a che fare con le persone, vere e capaci delle proprie idee, non con “curiosi” individui nascosti dietro un nomignolo. Detto ciò. L’associazione FAN nasce da un’idea di 7 amici; ad oggi conta 67 associati. In questa associazione vi sono giovani tra i 18 ed i 40 anni; sono tecnici, commerciali, operai, proprietari e figli di proprietari delle aziende della Franciacorta. La nostra associazione è SENZA SCOPO DI LUCRO. Ogni associato versa una quota, costituita da Bottiglie dell’azienda d’appartenenza. Queste bottiglie vengono utilizzate per serate promozionali, nelle quali si pubblicizza il Franciacorta e la Franciacorta. Se in una di queste serate si prevede un consumo di 100 bottiglie: 50 saranno delle aziende associate e 50 saranno prese dalle aziende non associate, per rappresentare al meglio tutto il territorio. E’ molto importante capire che gli associati sono parte del gruppo come PERSONE, non come Tizio dell’azienda Y, con la passione per il/la Franciacorta e la volontà di aumentare la conoscenza ed il consumo. Nel primo anno abbiamo ricevuto delle donazioni da parte di privati e delle donazioni da parte dei locali che ci hanno ospitati per i nostri eventi. Con questi soldi abbiamo finanziato l’acquisto di materiale utile agli scopi dell’associazione. Una parte di questi soldi (2000€), li abbiamo donato alla scuola primaria di Bomporto, colpita dal terremoto. Spero di essere stato esauriente.
    Distinti saluti, Raffaello Vezzoli vice presidente FAN

  6. Gianpietro

    gennaio 31, 2013 alle 9:50 am

    Esiste la possibilità che un domani l’associazione venga aperta anche a chi, come me, è un appasionato di Franciacorta ma di lavoro fa tutt’altro?
    Vi ringrazio anticipatamente

    Gabrieli Gianpietro

  7. Carmelo Raco

    gennaio 31, 2013 alle 12:13 pm

    Buongiorno Sig. Gianpietro,
    i soci FAN possono essere solo persone che lavorano nelle cantine franciacortine
    Gli eventi,invece,sono aperti a tutti gli APPASIONATI come Lei che vogliono condividere la loro passione insieme a Noi
    Sulla nostra pagina Facebook trovera’ tutte le informazioni relative alle prossime serate FAN FranciacortAppassioNati
    A presto
    Distinti Saluti
    Raco Carmelo Presidente FAN

  8. Laura

    gennaio 31, 2013 alle 10:42 pm

    Quindi Lei, Carmelo, lavora in una di queste aziende? che emozione, nella mia zona non si sono mai uniti i giovani produttori e ognuno pensa per se! complimenti Ziliani per il blog!

  9. Michela Muratori

    febbraio 1, 2013 alle 10:02 am

    Manca solo una cosa, il link alla nostra pagina FB:

    https://www.facebook.com/home.php#!/FanFranciacortAppassioNati

    cliccate mi piace e seguiteci 😉

  10. Pingback: Pizza e Franciacorta: un appuntamento-abbinamento da non perdere giovedì 7 a Erbusco! | Il Prosecco

Lascia un commento

Connect with Facebook