I blog staranno anche morendo, ma questo è in ottima salute!

Ottimi dati statistici sulle visite di Lemillebolleblog
Sarà anche vero, come annotava qualche giorno fa il vivace e informato blog Il giornalaio in questo post, che “ci sono temi che a cadenza periodica ritornano. Minestra riscaldata che perde sempre più corpo e sapore ogni volta che se ne torna a parlare.
Uno di questi è la cosiddetta morte dei blog, teoria, per così dire, che vedrebbe nell’affermazione dei social network la fine dei blog come media.
Ne torna a parlare Leonardo, ripreso anche da Massimo Mantellini, che scrive: “[…] è finita la moda dei blog e la gente ha smesso di scriverci sopra […]” citando il cattivo andamento degli accessi al suo, rinomato, blog”.
Dice giustamente il “giornalaio” che “basarsi sulla propria esperienza personale è per definizione limitante e limitato. Se dovessi farlo io direi esattamente il contrario poiché secondo il rapporto annuale realizzato da WordPress.com le pagine viste di questo spazio sono aumentate del 30% rispetto al 2011”.

Ma io, che sono notoriamente egocentrico, non posso che aggiungere, evviva la “morte” dei blog!, se le statistiche, redatte da Google Analytics, relative a Lemillebolleblog dicono, papale papale, dati 2012 rispetto a quelli 2011:

incremento percentuale del 68,54% per le visite
incremento percentuale dell’84,41% per i visitatori unici
incremento percentuale del 51,57% per le pagine viste.

Ma i numeri esatti, dirà qualcuno?
Beh cari miei, quelli sono un patrimonio personale del blog e mio, me li tengo per me e me li coccolo, pensando che Lemillebolleblog ha poco più che due anni di vita, e che ha ancora tanta possibilità di crescita, se voi lettori continuerete a seguirlo con lo stesso interesse e la stessa partecipazione, espressa anche mediante tanti commenti di consenso e dissenso, che avete dimostrato nel 2012…

___________________________________________________________

Attenzione!
non dimenticate di leggere anche Vino al vino

http://www.vinoalvino.org/

12 commenti

Condividi

12 commenti

  1. scettico

    gennaio 9, 2013 alle 8:21 am

    certo che se non riporta i numeri esatti possiamo sempre pensare che da 10 visite al giorno é passato a 16 e così via!
    E’ facile aumentare passando dal niente al un po’ più di niente…

    • Franco Ziliani

      gennaio 9, 2013 alle 8:27 am

      mi aspettavo che qualche scettico come lei desse prova del proprio… scetticismo facendo questo tipo di ragionamento, che é pienamente legittimo.
      Non posso però accontentarla e chiedo a lei come a tutti i lettori di fidarsi, perché sfido qualsiasi “collega” curatore di blog o siti del vino a rivelare i propri numeri.
      Non avrei scritto un post del genere, che é pura espressione d’orgoglio per i risultati acquisiti, se gli incrementi percentuali non fossero reali e cospicui, se la crescita non fosse avvenuta su una base, il 2011, che già aveva dato risultati molto soddisfacenti. Non sono passato da 10 visite al giorno a 16, ma da tante visite, pagine viste e visitatori unici del 2011 a molti di più, secondo le percentuali che ho citato e che sono disponibili al mio account di Google Analytics, nel 2012.
      Se vuole credermi ne sarò felice, se vuole continuare a dubitare faccia pure, non posso fare nulla, oltre a dire questo, per convincerla

  2. Laura

    gennaio 9, 2013 alle 8:22 am

    i miei complimenti Franco! Questo blog é sempre più un punto di riferimento per tutti noi che amiamo le bollicine. Non c’é nulla del genere in Italia e forse nel mondo

    • Franco Ziliani

      gennaio 9, 2013 alle 8:30 am

      nel ringraziare lei Laura, ringrazio tutti i lettori e sono tanti, che hanno seguito nel corso del 2012 Lemillebolleblog. Dedico questi risultati ad alcune persone speciali, che hanno creduto in me ed in questo blog e mi hanno spinto a renderlo migliore. E la stessa dedica riservo anche ad altre persone che non hanno creduto in me e l’hanno dimostrato con i loro comportamenti. E ad altre ancora che dovrebbero dimostrare di credere in me ed in questo blog e chissà perché – problemi loro – non lo fanno. Messaggi criptici forse, ma chi vorrà capire afferrerà perfettamente il senso delle mie parole.

  3. Gagliardi Mario

    gennaio 9, 2013 alle 8:29 pm

    Gentilissimo Ziliani,complimenti dei risultati ottenuti. Sicuramente frutto di una continua professionalità. I suoi articoli sono sempre interessanti,e per questo motivo le auguro un futuro con altrettante soddisfazioni. Buona serata.

  4. Giorgio Antolini

    gennaio 10, 2013 alle 7:01 am

    Gentile sig.Franco,
    non le ho mai scritto ma la seguo quotidianamente e la lettura del suo blog ( assieme a pochissimi altri ) sono il risveglio mattutino.
    Continui così…

    Giorgio Antolini

    • Franco Ziliani

      gennaio 10, 2013 alle 7:51 am

      Ma grazie! Queste parole bellissime, di cui la ringrazio, sono il miglior modo di cominciare questa giornata. Continuerò così, promesso
      tanti cari saluti

  5. Alessandra

    gennaio 10, 2013 alle 9:32 am

    Gentile Signor Franco,
    se vogliamo attenerci ai freddi numeri,
    credo proprio che nel 2013 verrà registrato un + 1, dato che da qualche giorno mi soffermo a leggere il suo blog, che si prospetta davvero ben strutturato, interessante e molto promettente.
    E non è poco, in questi tempi in cui il rischio di dire/scrivere banalità è sempre in agguato.
    Non mi prenderò tutto il merito di questa nuova adesione: devo, infatti, ringraziare l’amico Giorgio Antolini, suo fedele lettore e sempre premuroso nel segnalarmi articoli di pregio, per avermi fatto questo regalo.
    Quindi al momento sono grata a Lei (e a Giorgio) per le piacevoli letture quotidiane.
    Il resto, lo scopriremo solo vivendo…
    Grazie ancora e buona giornata.
    Alessandra

    • Franco Ziliani

      gennaio 10, 2013 alle 9:46 am

      troppa grazia Sant’Antonio, Alessandra! Buona giornata a lei e a tutti i lettori, che sono tanti, di questo Millebolleblog…

  6. Cosimo Piovasco di Rondò

    gennaio 10, 2013 alle 11:45 am

    Nel farti i complimenti per il successo delle tue Bolle ….. mi associo orgogliosamente anche io alle tue parole: nel suo piccolo anche trentinowine blog, nato un anno fa, è cresciuto di mese in mese al ritmo di due cifre… quindi mi pare che la morte dei blog..almeno di quelli vigorosi… non sia ancora alle porte.

  7. Silvana Biasutti

    gennaio 11, 2013 alle 5:32 pm

    Complimenti vivissimi, caro Franco: quando tra le fantasie più fantasiose (che non mancano di far fremere le colline tra cui trascorro il mio esilio) verrà fuori un Brunello a Bolle (Blù?), magari ne leggerò la recensione qui(!!!).
    Complimenti a te e ai tuoi brillanti lettori. Bisogna che io frequenti di più questo blog: le bollicine fanno sfrizzolare il buon umore!

Lascia un commento

Connect with Facebook