Bollicine mon amour alla Reggia di Colorno

Riceviamo questo comunicato stampa e volentieri pubblichiamo

17-18 Novembre 2012  Reggia di Colorno – Parma
Alla corte di Maria Luigia con “Bollicine… Mon Amour”

Per il quarto anno consecutivo torna l’evento che celebra il mondo dei piccoli produttori di “bollicine” Metodo Classico italiane e francesi

Colorno (PR): 40 autorevoli produttori da scoprire, oltre 120 eccellenze da degustare all’interno della prestigiosa Reggia di Colorno: questi sono i numeri in grado di far girare la testa ai migliaia di appassionati che negli ultimi anni hanno partecipato all’evento-celebrazione promosso dall’Associazione culturale “Bollicine… Mon Amour”.
La manifestazione, nata con l’intento di valorizzare e promuovere le piccole realtà produttive di bollicine Metodo Classico ed i loro territori, quest’anno spegnerà quattro candeline e per l’occasione non mancheranno conferme, novità ed iniziative di grande interesse.
In primo luogo, grazie all’impegno della Provincia di Parma e del Comune di Colorno la manifestazione potrà utilizzare, quale sede espositiva e cornice di rara eleganza, la prestigiosa Reggia di Colorno con i suoi magnifici giardini alla francese, da poco restaurati.
Teatro delle due giornate sarà infatti il piano nobile della Reggia, con le sue bellissime stanze di fine XVI secolo messe completamente a disposizione dei partecipanti. Inoltre gli organizzatori, forti dei successi delle passate edizioni e desiderosi di fornire ai visitatori un panorama spumantistico sempre più intrigante, hanno confermato le presenze dei produttori che sono stati il cardine delle precedenti edizioni ed inoltre hanno aggiunto importantissime chicche e new-entry.
Per quanto riguarda il panorama italiano la manifestazione quest’anno si arricchirà delle pluri-premiate “bollicine” trentine di Nicola Balter. I visitatori potranno inoltre fare un viaggio nella storia della Franciacorta grazie alla presenza delle cantine Bersi Serlini già attive sin dal 1886. Altra novità del Made in Italy nell’edizione 2012 sarà l’azienda biodinamica Casa Caterina, dove i fratelli Aurelio ed Emilio Del Bono hanno rinunciato da anni alla D.O.C.G. Franciacorta, nonché ai suoi vantaggi, per non dover imporre nessun limite burocratico all’estro che caratterizza da sempre le proprie produzioni. Viaggiando attraverso tutto lo Stivale si arriva a Trani e a quella che è un’altra sorprendente novità di quest’anno, ovvero le “Estasi” di Franco Di Filippo, “bollicine” ottenute da uve Moscato Reale (solitamente utilizzate per la produzione del celebre vino passito) portate a sovra-maturazione e vinificate secondo i dettami del Metodo Classico.
Anche per quanto riguarda il fronte francese non mancano di certo novità che sorprenderanno i fedelissimi della manifestazione. In primo luogo è da sottolineare la presenza per la prima volta dell’importante Maison Piper-Heidsieck, fondata a Reims nel 1785, e già famosa per essere divenuta il récoltant-manipulant ufficiale della regina Maria Antonietta.
Altra novità 2012, nonché chicca enologica, saranno le bollicine della Maison Champagne de la Renaissance, vini che sono diventati per la produttrice Nelly Dhondt una vera e propria forma di “rinascita” dalla grave malattia da cui è uscita grazie alla tenacia e alla voglia di emozionare con i suoi spumanti. Direttamente da Hautvillers, il paese d’origine di Dom Perignon e delle sue prime “elaborazioni”, arriva un’altra sorpresa per i visitatori, la Maison Thibaut coi i suoi Champagne che riecheggiano di storia. Infine occorre menzionare la piccola Maison J.P. Legret, cardine della manifestazione sin dalle prime edizioni, che quest’anno si presenta con un nuovo importantissimo premio da inserire nel proprio palmares, grazie al Coup de Coeur ricevuto con la cuvée Rosé.
Per entrambi i giorni della manifestazione sarà eccezionalmente operativo per i visitatori il ristorante gestito dalla Scuola Internazionale di Cucina ALMA, che proporrà prelibati menu ideati ad-hoc per l’evento.
Programma sabato 17 Ore 12:00 – 20:00
Programma domenica 18 Ore 11:00 – 20:00
Ingresso a pagamento: Costo del biglietto € 20,00 per una giornata e € 28,00 per le due giornate. Comprensivo di catalogo, bicchiere, collare porta bicchiere e degustazione.
Sconti per associati AIS, ASPI, FISAR e ONAV con tessera di validità dell’anno in corso.

Contatti e informazioni:
Associazione culturale “Bollicine… Mon Amour”

Ubaldo Vignali +39 333 96 13 426
Valentina Vignali +39 349 25 84 656
Elena Ascolti +39 338 83 23 735
Michele Longari +39 347 25 22 840

1 commento

Condividi

Un commento

  1. claudio nannini

    novembre 19, 2012 alle 9:47 am

    Ho avuto modo di bere tempo fà un metodo classico che ho trovato fantastico: Valentino brut zero (riserva mi pare di ricordare) ricordo anche che era un prodotto piemontese.
    Vorrei, se possibile, saperne qualcosa di più.
    Grazie.

Lascia un commento

Connect with Facebook