Trento Doc Brut e Dosaggio Zero 2007 Azienda del Revì

Denominazione: Trento Doc
Metodo: classico
Uvaggio: Chardonnay, Pinot nero

Giudizio:
8

Denominazione: Trento Doc
Metodo: classico
Uvaggio: Chardonnay, Pinot nero

Giudizio:
8


Pensavo da tempo di aggiornare quanto ho già scritto lo scorso anno a proposito di questa piccola e volonterosa azienda vitivinicola di Aldeno, Azienda del Revì, produttrice di qualcosa come 15 mila scarse bottiglie di Trento Doc, distribuite tra Brut, Dosaggio Zero e Rosé.
Nonostante l’azienda sia in attività dal lontano 1982, i primi assaggi da me fatti, del Brut e del Dosage Zero, ottenuti da uve Chardonnay e Pinot nero provenienti da vigneti posti ad altitudini che variano da 210 a 450 metri s.l.m., per una produzione che avevo definito al femminile, visto che “l’elaborazione del prodotto viene eseguita dai componenti della famiglia ed in particolare dalle titolari dell’azienda, Giovanna Bertoldi e Carmen Tomasi”, non mi avevano entusiasmato, convincendomi di trovarmi di fronte a prodotti tecnicamente ben fatti, ma un po’ carenti di personalità.
E’ bastato però che degustassi i vini espressione di un’altra annata, il 2007, invece del 2006 da cui erano venute le uve per i due Trento Doc assaggiati, per cogliere, anche se la “folgorazione” è sempre lontana, un deciso cambio di passo e notevoli miglioramenti.
Di cui voglio dare conto partendo dal Brut 2007, sempre a base di un 75% di Chardonnay e 25% di Pinot nero (percentuale che rimane invariate in tutte e tre le cuvée aziendali, purtroppo anche nel caso del Rosé, che sarebbe bello pensare prodotto con un maggior contributo di uve rosse…), affinato sui lieviti per 30 mesi, prodotto in dodicimila esemplari, con sboccatura 2010 e dosaggio di zuccheri dichiarato di 6 grammi.
Colore paglierino oro brillante molto luminoso, mostra un bel perlage fine e sottile e un naso decisamente “trentino”, ovvero fresco, elegante, sapido con note di pesca bianca, fiori bianchi, agrumi, leggera vena minerale e molto “sale” a rendere il vino fragrante e vivo.
Bocca ben asciutta, nervosa, sapida, con notevole persistenza e verticalità, acidità ben calibrata e nerbo minerale molto equilibrato, ben croccante sul palato e decisamente piacevole.
Bene anche il Dosaggio Zero 2007, colore paglierino oro vivace e luminoso, bel perlage sottile, naso molto intrigante, fresco, elegante, con una notevole vivacità, note di agrumi, fiori e fieno secco pesca noce e pesca bianca, nocciola, accenni di alloro e cioccolato bianco a comporre un insieme variegato vivo di grande freschezza e pulizia.
Attacco in bocca di media intensità e consistenza, conferma l’impressione di vino giocato sulla freschezza e sulla sapidità non molto largo e consistente, ma verticale, profondo sapido pieno di energia e con una bella piacevolezza. Da servire come aperitivo e su antipasti freddi.
Infine il Rosé 2007, (e una produzione di 3100 bottiglie), affinamento sui lieviti che in questo caso di 30 mesi, caratterizzato da un bella intensità cromatica, rosa antico cerasuolo scarico con leggera vena aranciata, naso su note leggermente mature e dolci, con venature di agrumi e bitter e frutta matura, bocca di buona consistenza di frutto abbastanza succoso largo, pieno, con una vena solo leggermente un filo dolce ( il residuo zuccherino è di 10 grammi litro) che dà morbidezza succosa e piacevolezza al vino, facile da bere.
Azienda piccola sicuramente da seguire.

Azienda vinicola del Revì
via Florida 10
Aldeno TN
tel.0461 842557
e-mail info@revi-spumanti.com
sito Internet http://www.revispumanti.com/

3 commenti

Condividi

3 commenti

  1. Pingback: Trento Doc Brut e Dosaggio Zero 2007 Azienda del Revì | Il Prosecco

  2. Pingback: Trentino Wine Blog » Le stelle di Revì

  3. Pingback: Trento Doc Extra Brut Paladino 2009 Revì | Il Prosecco

Lascia un commento

Connect with Facebook