Prosecco: un potere di fascinazione senza confini

Sul fatto che il Prosecco abbia un successo universale non ci sono più dubbi. Gli ultimi due esempi di questa popolarità che non sembra avere confini vengono dal mondo della politica e da una eno-news in arrivo dagli States. Come si legge in una notizia del quotidiano Libero che plaude al “potere delle bollicine” è stato il Prosecco, con contorno di patatine e mandorle salate, servito a sorpresa a onorevoli e funzionari parlamentari su indicazione del Ministro della Giustizia Paola Severino, a favorire qualche giorno fa alla Camera, l’approvazione del discusso e contrastato disegno di legge anticorruzione.
E sempre il Prosecco, naturalmente insieme a Cava, Champagne e sparkling wines di Sud Africa, Argentina e Germania, come riportato da questa news del sito Internet Seven Days, figura nella proposta, a bottiglia e bicchiere, dello Champagne & Sparkling Wine Bar aperto da qualche tempo al 56 di College Street a Middlebury, nel Vermont, secondo la scelta fatta dalla proprietaria, Nancy Weber-Curth, tornata a casa dopo otto anni trascorsi come funzionario di un’organizzazione non governativa a Bagdad.
Appassionata di Champagne, come ci racconta nell’articolo Corin Hirsch, e convinta che il celebre vino francese e gli sparkling wines “rendano una giornata speciale” e che vadano scelti “anche se non esiste una ragione ufficiale per celebrare, visto che si sposano benissimo ai cibi”, Nancy ha voluto aprire questo “sparkling” bar in questa cittadina di circa diecimila abitanti convinto che la scelta di concentrare l’offerta di vini solo sugli sparkling possa, con una scelta mirata su piccole aziende di qualità, funzionare.
Potere delle “bollicine”!

Lascia un commento

Condividi

Lascia un commento

Connect with Facebook