Si discute di Cruasé al Vinitaly. Dibattito su “Cruasé, il futuro in rosa”

Si torna a discutere di quell’oggetto non ben identificato, più favoleggiato che reale, che è il Cruasé, ovverosia la “Docg Oltrepò Pavese Metodo Classico Rosé” e come lo definiscono gli stessi artefici “parola macedonia formata dalla fusione tra “cru” (selezione) e “rosé” con l’interposizione di una “a” che fa da congiunzione. Il percorso per arrivare al nome del nuovo prodotto simbolo dell’Oltrepò Pavese, un rosé naturale DOCG da uve Pinot nero ottenuto attraverso il Metodo Classico”.
Lo si farà, a cura del Consorzio tutela vini O.P.,  lunedì 26 marzo a Verona in occasione dell’edizione 2012 del Vinitaly, nel corso di un dibattito, in programma presso la Sala Respighi alle 15, intitolato “Cruasé, il futuro ‘in rosa’ ”.
Moderato dal direttore del Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese Matteo Marenghi, il dibattito prevede un saluto di apertura di Federico Castellucci, direttore Organizzazione Internazionale della Vite e del Vino (OIV) e poi le seguenti relazioni:
Il progetto Cruasé
– Paolo Massone, presidente Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese
Il Pinot nero nel mondo e in Oltrepò Pavese
– Mario Fregoni, già ordinario di Viticoltura Università Cattolica (PC)
Produzione e mercato degli spumanti Metodo Classico italiani
– Giampietro Comolli, direttore Osservatorio Spumanti
Il fascino e l’ambiguità del colore: comunicazione e significato del “rosa” nello spumante classico – Nichi Stefi, giornalista.

Per informazioni
Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese
ufficio.stampa@vinoltrepo.it tel.
0385 250261

Lascia un commento

Condividi

Lascia un commento

Connect with Facebook