Champagne e metodo classico a confronto su La Cucina del Corriere della Sera

E’ in edicola da oggi (a 4,90 euro) il numero di gennaio dello splendido supplemento gastronomico (145 pagine riccamente illustrate) La Cucina del Corriere della Sera, la cui collezione dei numeri precedenti può essere ordinata presso il Corriere store.
Il sommario propone tantissime cose interessanti, a partire da un ampio articolo su una verdura di stagione come i porri, di cui vengono proposte tante ricette sfiziose, un servizio su piatti in cui è protagonista la vaniglia.
Per la cucina regionale è di scena la Sicilia, e un altro articolo propone per le eccellenze nostrane una serie di tesori pescati in casa, le ostriche piatte di Manfredonia, il caviale bresciano e l’astice blu sardo.
Il ricettario di gennaio (80 ricette) presenta un Capodanno da chef, ricette classiche e innovative, ricette light e ricette veloci. La scuola di cucina presenta, a cura di Fabiano Guatteri, la pasta ripiena, con tutti i segreti relativi alla sfoglia e al ripieno, e poi è molto interessante volare nella fredda Svezia per scoprire i piatti classici di quella cucina.
E per il vino? C’è la curiosità del Vin Sacro del Monte Athos in Grecia e a firma del sottoscritto un ampio articolo, intitolato La battaglia delle bollicine, dedicato a Champagne e metodo classico italiano: identico il metodo di produzione ma diversi storia, caratteristiche, numeri e fascino.
L’articolo è completato da due box con un menu di Natale e fine anno a tutto Champagne opera di un grande chef champenois, Philippe Mille, del ristorante Les Crayères di Reims, ed un menu di Natale e Capodanno a tutto Franciacorta Docg opera di Vittorio Fusari della Dispensa Pani e Vini Franciacorta di Torbiato di Adro.
Cosa aggiungere se non un doveroso e sentito Santé e Buon appetito!

Lascia un commento

Condividi

Lascia un commento

Connect with Facebook