A Vinitaly debutto di Relio, Glera metodo classico Bisol

Per il momento c’è da accontentarsi, vedi foto, di un dettaglio della bottiglia, ma al Vinitaly se ne saprà di più del nuovo nato della casa Bisol di Santo Stefano di Valdobbiadene.
Il suo nome è Relio, forma contratta di Aurelio (Aurelio Bisol, detto Relio, che ha dedicato la sua vita alla faticosa cura dei vigneti di famiglia) e si tratta di un innovativo (anche se non inedito, perché già altri produttori hanno realizzato vini del genere, ad esempio Silvano Follador) Prosecco, anzi Glera metodo classico, ottenuto rifermentando in bottiglia il Glera in purezza. Presso  lo Stand Bisol (E7/E8 – Area Grandi Vini, padiglione 7), si potrà quindi degustare questo nuovo prodotto, prodotto in edizione limitata (2000 esemplari), nato da 25 anni di ricerca e quattro anni tra seconda fermentazione e affinamento sui lieviti in bottiglia.
“Tanto tempo ci è voluto per giungere alla quadratura del cerchio, che ha bilanciato i tre elementi essenziali: terreno, vitigno e lievito” spiega Desiderio Bisol, enologo e direttore tecnico di Bisol “un equilibrio difficile che abbiamo raggiunto con Relio”.
Come sottolinea Gianluca Bisol, direttore generale di casa Bisol, “Relio è in grado di innalzare la percezione del Prosecco” ed è un vino che intende rendere omaggio “alla memoria di mio zio Aurelio Bisol, detto Relio.
Lo stesso packaging ricorda Aurelio, scomparso tre anni fa: la bottiglia è rivestita da un tessuto che ricorda la maglia che Aurelio indossava ogni mattina, prima di affrontare il duro lavoro sulle vigne alte e scoscese”.
Non mancheremo dunque di assaggiare questo nuovo prodotto, non perdendo l’occasione di una nuova verifica, non solo dei Conegliano Valdobbiadene Superiore Docg, dal Crede al Fol, al Garnei, ma dei validi metodo classico, da uve Pinot bianco, Chardonnay e Pinot nero, ad esempio il Pas Dosé Brut, che Bisol realizza da molti anni con eccellenti risultati.

1 commento

Condividi

Un commento

  1. Pingback: A Vinitaly debutto di Relio, Glera metodo classico Bisol | Wine Italy Blog

Lascia un commento

Connect with Facebook