Champagne Rosé Krug

Denominazione: Champagne
Metodo: classico
Uvaggio: Pinot nero, Chardonnay, Pinot Meunier

Giudizio:
10


 

L’avevo scritto qualche anno fa e lo confermo più che mai ora: bisogna davvero non pensare al suo prezzo, qualcosa come 300 euro a bottiglia, davvero per happy few, e poco in linea con i tempi risparmiosi e poco inclini, per le persone normali, (non per chi poteva ieri, può oggi, e potrà indubbiamente ancora domani e dopodomani…), a spese folli, per riuscire a parlarne.
Bisogna, anzi, è indispensabile, dimenticare una, fastidiosa e invero un po’ stupida, pubblicistica che lo circonda e che ci racconta – facendoci populisticamente affermare “ma chi se ne frega” – che “Springsteen e Sting lo bevono per ispirarsi. E lo stesso fa Le Carré, emulo di Hemingway“, che “il momento migliore per berlo è a mezzogiorno perché i sensi sono al massimo, e il palato se lo gode senza riserve”.
Questo senza dimenticare, come ci raccontano, che “Catherine Deneuve e Sharon Stone ci vorrebbero fare il bagno, come per emulare Marilyn Monroe“…
Sappiamo benissimo, senza che qualche articolo su riviste di carta patinata ce lo ricordi, che “la mitologia Krug è smisurata, è diventata quasi una mistica collettiva nel senso che tutti sanno che Krug è la formula uno fra gli champagne”. Che i “krughisti” rappresentano una collettività “di individualisti, come ama definirli Rémi Krug, affermando che bere Krug “é una scelta di bevuta e di vita”.
Mitologia e oleografia (un po’ fastidiose) a parte, bere una bottiglia di Krug, per chi ama lo Champagne ed i méthode champenoise, é sempre un’esperienza speciale non solo da un punto di vista strettamente e puramente organolettico, ma dal punto di vista di quelle emozioni che una grande bottiglia di vino, soprattutto se bevuta in un’occasione speciale, sa regalare.
Perché bevendo Krug si ha la precisa sensazione, che capita non molte volte anche di fronte alle più prestigiose e clamorose delle Cuvée de prestige, di bere un grande vino più che un “semplice” Champagne, una sorta di capolavoro che mette insieme savoir enologico, scienza compositiva delle cuvée e capacità di tirare fuori da determinati terroir tutta la loro verità. Esperienza Krug ancora più entusiasmante se lo Champagne protagonista é quella cosa rarissima che é il Krug Rosé, prodotto in quantitativi ridotti utilizzando Pinot noir vinificato in rosso proveniente da vecchi vigneti situati nel Grand Cru di Ay e della Montagne de Reims, assemblato con Pinot noir vinificato in bianco, Chardonnay e Pinot Meunier.
Vini ovviamente fermentati, con la consueta tecnica, puramente krughiste, in piccoli fusti di rovere, e lasciati per almeno sei anni in bottiglia prima di uscire dalle caves di Reims, perché avessero tutto il tempo di affinarsi pazientemente e di consegnarsi all’eternità.
Mi piace pertanto, volendo scrivere di questa nuova expérience krugiste che ho vissuto, paragonare le note di degustazione di quella prima occasione in cui degustai il Rosé, un’occasione pubblica, una degustazione con altri giornalisti, e questa seconda occasione, del tutto privata, quando la stessa bottiglia, stappata anni dopo, in tutt’altre circostanze, mi doveva giocoforza regalare altre sensazioni. E me ne ha davvero regalate, di sublimi…
Allora, cinque anni fa, scrissi che, spezzato l’incanto del primo sorso e scoperto che oltre a proporsi strepitosamente vivace nella flûte, grazie ad un perlage sottile, imprevedibile, zigzagante, sbarazzino, questo Rosè da mille e una notte non restava affatto sulle sue, ma si concedeva gioiosamente, dispensando spensierata joie de vivre e invitando gioiosamente e golosamente a farsi bere, venni conquistato da un vino tanto grande e così semplice diretto nel comunicare e nel farsi capire.
Colore buccia di cipolla – melograno, corallo scarico, di una lucentezza e di una brillantezza tutta sua, al primo contatto olfattivo il Krug rosé lascia interdetti per la sua stregante freschezza, l’eleganza persuasiva, la cremosità croccante quasi da meringa appena sfornata, la suadente fragranza di petali di rose e di peonie, di cassis, lampone, ricordi di cioccolato bianco e di spezie esotiche, di confetto, pepe, zenzero, frutta secca.
In bocca, al palato, la sua splendida secchezza senza concessioni, la sapidità minerale, il carattere nervoso e la vena intrigante di mandorla, che danno vivacità e nerbo e assicurano un finale lunghissimo, articolato, appuntito, eppure delicato e morbido, sono veramente una magia.
Oggi, invece, confermato l’aspetto puramente cromatico, con una venatura che richiamava il melone e la pesca bianca, il Krug rosé mi ha ancora più dell’altra volta soggiogato, conquistato per il suo naso di stupefacente personalità, dove le note di piccoli frutti rossi, di prugna rossa ungherese, di mandorla e pesca si inchinavano all’altare di una “croccantezza” olfattiva, di un precisissimo, nitido, scattante nerbo sapido.
E poi che meraviglia la bocca di assoluta, mirabile precisione, l’acidità perfettamente calibrata, il perfetto equilibrio in tutte le componenti, un vero esprit de finesse fatto vino, la freschezza mirabile, la pulizia stupefacente, quel modo di disporsi in bocca, verticale, pieno di energia, eppure suadente, pieno di charme assolutamente inimitabile. Un capolavoro.
Ritorno a dirlo: dimenticate il prezzo, assolutamente folle, la consapevolezza che 300 euro per una bottiglia di vino sono uno scandalo e forse un insulto.
Tutto vero, ma rimanete, per un attimo ancora, se ci riuscite, nel reame del sogno: di fronte ad un’opera d’arte del genere non potrete che concordare con Rémi Krug e riconoscere che “c’è lo Champagne, e poi c’è Krug“.
E davvero “non dimenticherete mai” – come non dimenticherò mai io – “il primo sorso di Krug” ed i successivi e l’intrigante carezza, la maliosa provocazione, la sensuale dolcezza di questo Rosé, il Krug più segreto…

10 commenti

Condividi

10 commenti

  1. Pingback: Champagne Rosé Krug | Wine Italy Blog

  2. Mario Crosta

    marzo 30, 2011 alle 12:44 pm

    Dove hai gustato la prugna rossa ungherese? Io l’ho gustata nel bosco intorno alle vigne di Tibor Gal, ad Eger. Si tratta di piante selvatiche e in quell’occasione ero rimasto molto colpito dal fatto che si ritrova anche negli aromi dei vini fatti da uve che maturano praticamente a poche decine di metri di distanza. Ti e’ rimasta nella memoria olfattiva, eh? Come hai fatto a trovarla anche nel rose’ di Krug?
    Perche’ non suggerisci anche qualche abbinamento?
    A me verrebbe in mente un cosciotto d’agnello cucinato alla brace in giardino…

  3. giordana

    marzo 30, 2011 alle 2:43 pm

    un giorno farò una follia e lo comprerò!posso sapere cosa ci hai abbinato? che il sogno, almeno, sia completo no?:)

  4. kenray

    marzo 31, 2011 alle 3:22 pm

    l’ ho bevuto una sola volta.

    mah…

    300 euro uno scnadlo, ma 2000 per uno chateau un delitto

  5. A Z

    aprile 1, 2011 alle 4:49 pm

    l’ho bevuto, m’è piaciuto, ma era piccolo piccolo così …nel bicchiere 🙂 più che altro l’ho maneggiatto …per clienti russi

  6. Silvana Biasutti

    aprile 2, 2011 alle 4:36 pm

    Ai Krug della mia infanzia (nessuno scialo scandaloso, solo una famiglia che sapeva festeggiare le rarissime occasioni…) abbino puntualmente ricordi di iniziazioni al gusto che i miei genitori non mancavano mai di impartirmi, insieme alla massima che “non sono i soldi a fare un signore, ma la sensibilità per apprezzare le cose davvero buone e la bellezza autentica” (inoltre mai sciupare e avere un po’ di spazio per chi ha meno).
    Qualche piatto tuttavia me lo ricordo ancora – una faraona cotta da mia madre con un ripieno di verdure; un flan vegetale molto creativo – in stagioni lontane, quando il denaro non era il centro dei nostri pensieri, e i desideri potevano anche rimanere tali…

  7. Davide

    aprile 2, 2011 alle 9:25 pm

    Franco, vista la sua esperienza, le chiedo un parere relativamente a una questione tecnica del krug rosè, che ho avuto modo di assaggiare in tre occasioni… e in tutte e tre le occasioni ho avuto il sospetto che il colore fosse ritoccato, perchè è troppo perfetto, perfino per 300 euro (ahime noi avevamo un listino di 500…) a bottiglia.
    Non riesco a trovare una correlazione logica tra la perfezione del colore, della struttura e delle possibili tecniche di costruzione di un prodotto del genere.

    Fine, gentile, sul finale perfettamente ineccepibile con quella sensazione di confetto alla rosa che dura qualche minuto…ho provato ad attribuire addirittura agli acidi cinnamici la fonte della colorazione, ma invano.
    Purtroppo, un vino così, si può bere facendo una colletta una volta all’anno! al di sopra di qualsiasi rosè italiano che ho potuto assaggiare negli ultimi tre anni. Anni luce
    Buon sabato sera a tutti

  8. Giuliano

    gennaio 11, 2017 alle 9:18 pm

    Salve,
    l’articolo/recensione è davvero emozionante, complimenti.
    Mia madre scomparsa da poco mi ha lasciato nella cantina una bottiglia di krug rosè dell’83. Ho scritto alla Krug e oltre le foto ho fornito il butch number al fondo della bottiglia, in base al quale hanno potuto confermare che fa parte della prima serie di Krug rosè, fatta per il 30° ‘anniversario dell’incoronazione della regina Elisabetta come riporta l’astuccio della bottiglia, rimasta sigillata in cantina dall’83 fino a poche settimane fa, quando ho dovuto tirarla fuori per fornire le info richieste dalla casa madre e fare alcune foto. La cosa incredibile è che sono astemio!!! e non ho la cultura per capire tale capolavoro e da un lato me ne rammarico, ma non credo che incominciare a bere oggi potrebbe aiutarmi a capire realmente la classe di questo pezzo d’arte. La Krug mi ha scritto che sono una persona fortunata, ma sinceramente credo che sia + corretto fare una vendita a qualcuno che la possa davvero apprezzare che sprecarla con un incoonpetente. Non riesco a trovare in nessun angolo del web una valutazione di questa bottiglia, neanche la bottiglia a dire la verità, ho cercato per giorni, ma nessuno ce l’ha, come posso sapere il valore di questa bottiglia?

    • redazione

      gennaio 12, 2017 alle 4:54 pm

      io il valore non lo conosco, ma sarei, anzi, sono interessatissimo a quella bottiglia. Le scrivo via mail e vediamo cosa si può fare

Lascia un commento

Connect with Facebook