Franciacorta Essence Rosé Antica Fratta

Denominazione: Franciacorta Docg
Metodo: classico
Uvaggio: Chardonnay e Pinot nero

Giudizio:
8


Non è tutto oro quello che luccica, e la vita (ed il vino) non è sempre… en rose, nel panorama sempre più popolato dei Franciacorta rosé. L’impressione è che dato il successo crescente di questa particolare tipologia (tanto da far temere che possa diventare o che sia già una moda…) svariate aziende si siano dedicate a produrre bollicine metodo classico in versione rosa soprattutto perché il business sembra richiederlo, ma senza aver elaborato con sufficiente lucidità e senza un ben preciso progetto il loro approdo al rosé.
Testimonianza di questa elaborazione non sempre compiutamente maturata sono una serie di vini che hanno scelto la strada della facilità (e talvolta della banalità). Franciacorta dai profumi caramellosi e dal gusto leggermente dolce dovuto a residui zuccherini abbondanti, vini carenti di nerbo, magari semplici da approcciare, adatti ad un consumatore non particolarmente esigente o raffinato, ma vini “mordi e fuggi”, o peggio ancora “usa e getta”, che non danno sufficiente prova di uno “stile Franciacorta” e sono carenti di espressione territoriale.
Non è facile, e lo sanno bene i produttori franciacortini, spesso più a loro agio quando elaborano cuvée a base di Chardonnay e Pinot bianco, confrontarsi con quell’uva preziosa, ma dal caratterino difficile, che è il Pinot nero e dosarne il contributo, che deve essere di spalla e di struttura, ma senza sacrificare mai la fragranza aromatica e la morbidezza cremosa, in una cuvée in tandem con lo Chardonnay, non è facile.
Il rischio, sempre dietro l’angolo, è quello di ottenere vini di forte impatto, ben sostenuti e corposi, ma un po’ eccessivi, carenti di freschezza e di beva, oppure, quando si esageri con la scorciatoia un po’ furbesca della rotondità e della dolcezza, troppo facili, banali, unidimensionali per essere veri e credibili.
Una delle aziende che sembra aver elaborato una propria convinta, meditata, personale idea di Franciacorta en rosé, e che va proponendo vini di sicuro carattere è l’Antica Fratta di Monticelli Brusati, che con la guida di Marcello Bruschetti, presidente e amministratore (nella foto sotto), ha non solo aumentato il numero delle bottiglie prodotte, passate oggi ad un’impegnativa quota di oltre trecentomila, ma ha decisamente aumentato il livello qualitativo complessivo di quella che é la storica tenuta interamente franciacortina controllata dalla Guido Berlucchi.

Un’azienda nella cui storia cinquantennale, recentemente celebrata da un francobollo emesso dalle Poste Italiane, i rosé, dalla Cuvée Imperiale sino al recente Franciacorta ’61, hanno avuto un ruolo fondamentale. Due i Rosé prodotti dall’Antica Fratta, un Franciacorta Brut Rosé, mix di Chardonnay (60 per cento) e Pinot nero, ed un più impegnativo e ambizioso ed un Franciacorta Essence Rosé, che, parole della presentazione “rappresenta il primo passo di Antica Fratta verso il suo futuro. Sensuale, elegante ed estremamente eclettico”.
Un Rosé, prodotto in 60 mila esemplari, mix di uve per il 55% Chardonnay e per il 45% Pinot nero (vinificato in rosa), affinato 36 mesi sui lieviti, che mi ha decisamente ben impressionato per il suo equilibrio e la sua innata piacevolezza, per il colore, buccia di cipolla, sangue di piccione cerasuolo scarico, brillante, pieno di riflessi, per la delicatezza e la fragranza aromatica, che non sfodera solo delicate note di piccoli frutti rossi (fragoline di bosco e lampone), ma nitide sfumature floreali, in una cornice di grande fragranza ed eleganza.

Molto pulito, strutturato il giusto, largo e abbastanza pieno, ma con una bella vena sapida e un interessante allungo, con bel nerbo e persistenza, anche al gusto, dove si propone fresco, vivo, scattante, con una vinosità molto apprezzabile.
Vino di grande duttilità di utilizzo a tavola, eccellente su salumi, preparazioni a base di carni bianche, primi a base di pesce, soprattutto quello di lago. Un bel vino insomma: è questa la Franciacorta in rosé che mi piace!

Lascia un commento

Condividi

Lascia un commento

Connect with Facebook